Spesso le donne quando cercano di ottenere dei progressi fisici mirano ad aumentare il lavoro aerobico pensando che questo approccio le porti a ridurre il grasso corporeo e quindi migliorare. Andiamo ad analizzare il lavoro aerobico, consumo molte calorie senza dare uno stimolo al mantenimento dei volumi muscolari, il risultato è una perdita di massa magra e poca massa grassa. Nel tempo l’aumento dei livelli di acido lattico e di cortisolo porta inevitabilmente ad evidenziare un aumento della ritenzione idrica e della cellulite perdendo qualità ed evidenziando un peggioramento estetico. Se l’obiettivo E’ PERDERE GRASSO allora occorre focalizzarsi sul mantenimento dei volumi muscolari, va da se che quindi il training anaerobico è fondamentale per dare un impulso per migliorare e mantenere la massa magra. Questo permette di lavorare sulla riduzione del grasso attraverso le continue variazioni caloriche gestite nell’alimentazione volte a creare dei deficit calorici controllati che inducono un deficit che andrà a richiedere compensazione attaccando il grasso di deposito. Soprattutto quando l’età del soggetto è oltre i 35/40 anni e quindi il metabolismo comincia a rallentare saper gestire i livelli di cortisolo riducendo il lavoro aerobico è fondamentale per innescare un graduale progresso estetico. La soluzione ideale è focalizzarsi su un graduale aumento dei tempi sotto tensione che permettono quindi di attivare a fondo le aree muscolari sollecitando le diverse fibre che le compongono cosi da portare il metabolismo al massimo consumo possibile. Nella mia carriera ho notato che ogni qual volta riducevo il lavoro aerobico su soggetti OVER 40 e focalizzavo il training sul TUT il risultato era una forma dura e granitica che evidenziava la qualità fisica. Il lavoro aerobico va gestito in maniera molto attenta cosi da evitare di aumentare l’infiammazione e portare l’allieva a levigare la pelle. Se l’obiettivo è il massimo risultato fisico estetico allora il lavoro aerobico va ridotto e modulato al minimo cosi da apprezzare progressi costanti e mirati e migliorare la densità muscolare.
IL COACH