La riduzione della ritenzione idrica e della cellulite richiede una corretta gestione dell’infiammazione. Le scelte nell’alimentazione devono portare ad ottenere una corretta riformulazione corporea dove l’inserimento dei carboidrati serali permette un perfetto controllo del cortisolo cosi da ridurre tale importante agente infiammatorio.
COME VIENE PRODOTTO IL CORTISOLO?
L’ipotalamo butta fuori l’ormone di rilascio corticotropina che stimola la ghiandola pituitaria (l’ipofisi ) a produrre ACTH che a sua volta stimola le ghiandole surrenali a produrre cortisolo.
Infiammazione ed infezioni
L’infiammazione e le infezioni impattano sulla produzione di cortisolo, poiché inviano segnali di input di agenti neurochimici e citochine all’ipotalamo che determinano i segnali di output del cortisolo.
Un eccesso di input bloccanti o liberatori impatta profondamente producendo un importante effetto “limitante”.
Ci sono due modi in cui questa interferenza può risultare in una disfunzione surrenale: producendo troppo cortisolo o producendone non abbastanza.
Come abbiamo già detto, il cortisolo è un ormone catabolico.
Per cui è frequente vedere soggetti con livelli glicemici piuttosto alti (pre-diabetici) che dimagriscono continuamente (con problemi di malassorbimento) o che non riescono a prendere peso nonostante diete nutrienti e bilanciate.
LE GHIANDOLE SURRENALI
Si parla spesso di stress e ‘stanchezza surrenale’, pensando che siano le ghiandole surrenali le dirette responsabili di questa stanchezza, quando in effetti spesso non è così.
Per cui, nonostante a questi soggetti vengano somministrate dosi importanti di ormoni prodotti dalla corteccia surrenale, i pazienti non registrano alcun miglioramento.
Altro agente fondamentale da controllare è l’acido lattico dove un aumento dei livelli di lavoro cardiovascolare porta inevitabilmente ad un aumento dell’infiammazione inibendo il progresso fisico. Soprattutto su un soggetto over 40 il rischio è anche quello di esporre al catabolismo fisico il soggetto perdendo densità muscolare e portando inevitabilmente l’allieva in un ambiente infiammatorio che porta ad un netto peggioramento estetico. Controllare ogni aspetto induce quindi un netto progresso dove la gestione del dimagrimento porta a ridurre il grasso e migliorare la densità muscolare.
 
IL COACH